Pronta consegna: a casa tua in 48/72 ore

Lampada da tavolo Caché, nera | Le Klint

by Le Klint

610,00 Tutti i prezzi includono l'IVA (22%)
Descrizione:Caché in francese significa "nascosto", termine che rappresenta appieno la bellezza e l'eleganza della coroncina di carta perfettamente pieghettata a mano ed integrata nel [...] Leggi tutto


Il prodotto è già presente in carrello
Ordina ora: la consegna è stimata entro il 06 Maggio
  • PRODOTTO ORIGINALE

  • RESO FACILE

  • PAGAMENTO SICURO

Nome

Lampada da tavolo Caché, nera | Le Klint

Anno di produzione

02015

IL DESIGNER

AURÉLIEN BARBRY

Misure

A 57 x L 20 x Diam. 40 cm

Materiali

Acciaio | Ottone

Lampadina

480 Lumen - E14 - 25W (Small bulb) inclusa

Classe energetica

A+

Cod.

355T

EAN

5703387135536

Caché in francese significa "nascosto", termine che rappresenta appieno la bellezza e l'eleganza della coroncina di carta perfettamente pieghettata a mano ed integrata nel paralume al fine di nascondere la visione diretta del bulbo della lampadina. Questo design fu creato da Aurélien Barbry, apprendista del famoso architetto francese Jean Nouvel.

La serie Caché è composta da cinque lampade a sospensione, una lampada da tavolo e una piantana. Tutti i modelli sono realizzati in un design moderno ed elegante, con l'inconfondibile cura dei dettagli tipica di Le Klint. Tutte le parti sono prodotte in Danimarca.

AURÉLIEN BARBRY

Aurélien Barbry nasce nel 1969. Laureatosi con lode all'Ecole Camondo a Parigi come designer industriale, ha iniziato la sua carriera collaborando con il famoso architetto francese Jean Nouvel. Dall'inizio della sua carriera Aurélien Barbry ha lavorato con diversi brands e studi tra i quali anche Georg Jensen, COR, Menu, Norman Copenhagen e ENO. Nel 2007 ha inaugurato il suo studio e, ad oggi, lavora a Copenhagen dove continua a collaborare con prestigiosi marchi di design. Citazione: "Il design è un esercizio dove prendi in considerazione le cose più semplici della tua vita quotidiana e chiedi a te stesso come potrebbero essere fatte diversamente. Voglio muovere gli oggetti verso la semplicità e l'ovvietà delle forme cosicchè ci sia un dialogo con l'utilizzatore finale. Ridimensionare le forme di ogni giorno, con [...]
Chiudi ✗